Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
F1 chief Ross Brawn admits Australian GP lacked 'vital' overtaking Formula 1: Raikkonen escapes grid penalty as Ferrari is fined Ricciardo: Red Bull F1 team most prepared for season since I joined Renault drivers surprised by Force India's Baku F1 performance Lutto. Ralf Waldmann scomparso improvvisamente F1 Canada, Vettel domina la gara e torna in testa in classifica Bernie Ecclestone's Lewis Hamilton comments a 'grenade' - Wolff Toro Rosso can revise F1 2018 targets after 'flying start' in testing How Mercedes is dealing with F1 engine cooling headaches in 2018 Grosjean handed three-place Monaco grid penalty for first-lap crash F1 tech insight: The aggressive changes Red Bull made for 2018 F1 Bahrain, Vettel: «Ho detto in radio che avevo il controllo, non era vero» MotoGP 2018. Dovizioso: “Arrabbiato perché si poteva vincere” Ferrari's handling of hiring FIA man Mekies 'wrong' - Red Bull Keke Rosberg explains why he became an F1 'recluse' F1 McLaren, Alonso: «A 4 decimi dalle migliori ce la giochiamo» F1 teams promised new 2021 engine rules by the end of June Leclerc: Toro Rosso and Hartley played a bit of a game in Monaco GP Formula 1: Details of new McLaren upgrade revealed at Spanish GP F1 Red Bull, Verstappen: «Ci manca la mappatura del motore»

LIBERTY MEDIA ABBIAMO UN PROBLEMA. 3M FA OPPOSIZIONE AL NUOVO LOGO DELLA F.1

F1 vs Futuro 3M

SkeetGp

Problemi in vista in casa Liberty Media, company americana proprietaria di tutti i i diritti della Formula Uno. Secondo l'autorevole quotidiano britannico,The Daily Telegraph, il nuovo logo del campionato di F1, presentato ai media durante il Gran Premio di Abu Dhabi nel novembre 2017 (ultimo appuntamento in calendario della passata stagione), potrebbe far pagare a Liberty Media una tassa al produttore di post-it notes la multinazionale americana 3M in quanto, quest'ultimo ha presentato "opposizione" alla domanda del nuovo logo F1 lo scorso 22 maggio 2018, a causa del “ rischio di confusione” con il marchio utilizzato dalla stessa, lo scorso anno, per la sua gamma di abbigliamento terapeutico ribattezza “Futuro”. Presenta infatti una sorprendente somiglianza con quello lanciato da Liberty Media Corp.

Il nuovo marchio F1 è stato registrato quattro mesi dopo quello di 3M. Ciò conferisce, per la normativa internazionale sulla registrazione dei marchi, la precedenza sul logo Liberty Media depositato nel novembre 2017.

A gennaio 2018, sempre il quotidiano britannico, rivelò che 3M non aveva dato il permesso alla F1 di utilizzare il design e stava già valutando le azioni da intraprendere.  Adesso bisognerà aspettare la decisione che prenderà l’EQUIPO (Ufficio Europeo della proprietà intellettuale) per rispondere in merito alla questione (secondo gli addetti ai lavori non prima del prossimo autunno). Due le ipotesi: il pagamento di Liberty Media a 3M di una fee per poter utilizzare comunque questo logo oppure la creazione di un nuovo logotipo, ma questo significherebbe nuovi costi di progettazione e non poter utilizzare più quello attuale (con problemi di vario tipo sia in termini di corporate identity, sia sul fronte merchandising/licensing). Ma sicuramente, proprio in queste ore, saranno al lavoro i studi legali della company americana per risolvere la difficile querelle.