Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Formula 1's suspension rule change and weight initiative explained Max Verstappen Bahrain F1 qualifying crash caused by 150hp power surge Formula 1: Alonso predicts 'big points' for McLaren in Australia F1 testing: Sebastian Vettel says staying on track hard in cold F1, Carey sulle ombrelline: «Sistema antiquato e poco etico» Formula 1: Raikkonen quickest for Ferrari but risks grid penalty Mercedes happy with my progress in F1 - Esteban Ocon Formula 1: How Bottas dealt with mental fallout from his Oz crash Mercedes F1 launch: 2018 W09 design hits track at Silverstone Formula 1: Vettel quantifies Ferrari's pace deficit to Mercedes 2017. Un anno di MotoGP, gara dopo gara F1, per ora niente modifiche al calendario F1, Ecco la nuova Ferrari, Vettel: «Non vedo l'ora di andare in pista» Qatar 2018. Bagnaia e Martin vincono in Moto2 e Moto3 Robert Kubica deserves another shot at F1 - Pirelli's Mario Isola Sergey Sirotkin beats Robert Kubica to 2018 Williams F1 seat F1 Renault, Sainz: «Obiettivo quarto posto» Honda F1 form 'amazing for F1' - Haas driver Romain Grosjean Super Formula an option as part of Wehrlein’s bid to earn F1 recall Haas F1 team might have switched to 2018 car focus too early

BULEGA SR. E IL MISTERO DEL POST SCOMPARSO

Post di Bulega poi cancellato, nell'articolo.

SkeetGp

Radio Tavullia International è sempre sul pezzo e oggi ha lanciato la notizia di una scomparsa, la scomparsa - su facebook - del messaggio postato ieri mattina da Rhyll, Victoria, Australia.

Ma di chi era il post in questione?

 Era di un personaggio famoso?

 Di Valentino?

 Era di Uccio o di Alby?

 No signori, era di Davide Bulega.

Che non é di Tavullia ma che ha un figlio, Nicolò, che corre in Moto 3 per il team Sky byVR46. Che ha la sua sede a Tavullia.

Ma dove sta la notizia? direte voi perché dei post di Bulega senior non gliene frega niente a nessuno.

Chiariamo quindi: le notizie   nello specifico – stando ai “colleghi” tavulliesi- sono due: una è che il protagonista lo abbia tolto poco dopo, l’altra è il contenuto, davvero interessante

A questo punto, per capirci, sorge spontanea una domanda: perche lo ha tolto? Lo ha fatto sua sponte, oppure qualcuno gli ha “intimato” di toglierlo?

Noi la risposta non l’abbiamo, abbiamo il post: eccolo …

whatsapp_image_2017-10-21_at_12.58.29.jpeg

Di primo acchito, leggendo con attenzione, vien da chiedersi: perché il signor Davide sente il bisogno di raccontare- “un giorno molto vicino racconterò molte cose”? e di farlo pubblicamente mettendolo sulla sua bacheca Facebook dove - crediamo- abbia numerosi seguaci?

Perché “allora (dopo il suo eventuale racconto ndr) la gente riderà di meno”?  E di chi ride la gente?  Tante domande, tutte plausibili.

Forse, se un padre usa questi termini è perché suppone - a ragione o torto non è affar nostro -  che la gente rida di suo figlio?

E perché la gente dovrebbe ridere di suo figlio?

Perché questi non ottiene risultati? O forse perché sono inferiori alle aspettative?  

Il resto del post è durissimo, quasi un pugno sullo stomaco: «Non è tutto oro quello che luccica, parlerò di sorrisi, di amicizia, contratti. Tutto falso. Tutto un business».

‘Non è tutto oro quello che luccica’ si commenta da solo e forse si potrebbe anche, tra le righe, comprendere a chi è rivolto visto che tutti sanno quale sia e l’ambiente e il datore di lavoro di Nicolò, suo figlio.

Per il resto ci asteniamo dal commentare - lasciando la più libera interpretazione al lettore - visto che le parole “amicizia… contratti… tutto falso… tutto un business…”  trattano argomenti che riguardano la sfera personale sia dello scrivente il messaggio (maggiorenne) sia del figlio che, sino al 16 di ottobre 2017, era minorenne avendo compiuto in quella data il 18esimo anno di età.

Certo è pero che se in passato sono stati siglati contratti di lavoro, qualcuno avrebbe anche potuto leggerli dato che - si suppone - andavano firmati da un maggiorenne non avendo il pargolo ancora raggiunto la maggiore età.

In sintesi questa è la notizia che oggi la Radio ha dato ed è rimbalzata sulle sue “cortissime” onde.

Quello che è stato appurato è che il messaggio è stato tolto ma era ormai troppo tardi perché, nell’ambiente racing, aveva già sollevato clamore e curiosità tale che i colleghi di Radio Tavullia International, previdenti, lo avevano prima “copiato” per dare poi compiutamente la  notizia.

Forse nei prossimi giorni sapremo qualcosa più anche perché la Radio, è sempre sul… pezzo.