Seguici anche suFacebookTwitterGoogle PlusYoutube
  • English
  • Italiano
FOCUS
focus arrow
Three Formula 1 teams have tried to sign Lando Norris from McLaren Formula 1: Ferrari practice pace flattered by engine modes - Wolff F1 Mercedes, Bottas: «Un onore essere un vincitore del trofeo» Liberty frustrated by 'noisy' Formula 1 future talks with teams La versione di Zam. Il contratto Ducati di Dovizioso e Lorenzo Why F1 can't stop groundhogs getting on Canadian GP track Montreal Plastic bag likely cause of Sirotkin's Australian GP brake failure Ecclestone: Liberty musn't ignore Mercedes/Ferrari breakaway threat Lewis Hamilton: Mercedes working on F1 race communication Carlos Sainz Jr happy to take planned Renault F1 engine penalties F1 Monaco, Libere 3: Ricciardo è super, Vettel 3° MotoGP 2018. FP2 in Qatar, Dovizioso è il più veloce F1 testing: Bottas's Mercedes leads Vandoorne's McLaren New 2018 F1 tyre compounds are set to have an affect in Chinese GP F1, la Mercedes svela i segreti di Bottas Lewis Hamilton already driving with F1's new engine limit in mind McLaren admits its start to the 2018 F1 season harder than expected Red Bull tells engineers to intervene in Ricciardo/Verstappen battles LIVE - MotoGP 2018. Il GP delle Americhe in diretta Motorsport Show: Should drivers help make F1's big decisions?

II) LA FORMAZIONE DEL CAMPIONE

CEV 2018

Motopatico

Nella prima parte di questo articolo abbiamo approfondito come si finanziano i teams che scendono in pista nei cosiddetti "campionati formativi": con una battuta potremmo dire che il reperimento di risorse avviene attraverso il “mercenarismo”, che è decisamente più redditizio del mecenatismo. 

civ_2018.jpg
CIV 2018

Si fatica meno a cercare famiglie che pagano (tanto) per far correre i figli, piuttosto che reperire sponsor convincendoli a investire in talento puro. Esiste un vero e proprio mercato dei “piloti-clienti - o meglio, dei genitori dei piloti-clienti - che inizia a gennaio/febbraio in modo da essere pronti al via della stagione. Mettendo in conto che ci saranno defezioni, che qualcuno finirà anzitempo il budget, che altri potrebbero non essere in grado di sostenere fino in fondo l’esborso; insomma, occorre prepararsi per tempo. Dura la vita del Team Manager che deve vendere la propria struttura. Ancora peggiore è l’ipocrisia che circonda la cosiddetta “formazione”. Il padre della giovane promessa del motociclismo nazionale che ha accettato di raccontarci come funziona il sistema, ammette che: «le trasferte sono tutte a carico del pilota, che vede la squadra solo in pista, quando inizia il week end di gara. Rapporti con il team fuori dal campionato? Zero. Rari i briefing tecnici». 

Paghi per avere un servizio, non per fare accademiaContraddicendo in questo il ruolo propedeutico riconosciuto ai campionati che dovrebbero formare i futuri campioni. Il genitore “da corsa” racconta un’altra cosa interessante: «stiamo parlando di ragazzini: anche se vengono su dalle minimoto non è necessariamente detto che posseggano un bagaglio tecnico così specifico da riuscire a identificare i problemi sulla moto; oppure che siano in grado di dare indicazioni specifiche ai meccanici. Il tempo a disposizione tra prove, qualifiche e gare non è molto, l’unica soluzione è affidarsi al meccanico della squadra. Il bambino ti può dire “non riesco ad aprire [il gas] presto”, ma difficilmente ti chiederà di regolare un precarico, accordare le sospensioni o cose del genere»

scuola_dello_sport_del_coni_-_raduno_dei_talentiazzurri_fmi_2018.jpg
Scuola dello Sport del CONI -  raduno dei TalentiAzzurri FMI 2018

Ecco il punto: non s’impara con le ore in officina, si lavora sul campo e la teoria è lasciata a te. Impara l’arte, oppure arrangiati. Questo fatto genera un equivoco: se il risultato non arriva la colpa sarà del pilota, anche se il mezzo con cui gareggia resta un mistero. Ripetiamo, a scanso di essere fraintesi: non è così per tutti, l’ambiente vanta notevoli eccezioni, ma è sicuramente questo il metodo che utilizzano in molti.

Un tentativo apprezzabile è quello che sta mettendo in piedi la Federazione Motociclistica Italiana attraverso il progetto “Talenti Azzurri”: seminari teorico pratici, allenamenti specifici, iniziative di sensibilizzazione. In pratica: formazione come dovrebbe essere fatta. Certo, un conto è lavorare su una “classe” di venti-trenta ragazzini, un altro è farlo nel box di un team, dove il rapporto sarebbe decisamente più diretto, dove il campioncino in erba ..

L'articolo continua dopo l'inserzione

imparerebbe più velocemente. Se questo non può avvenire, allora torniamo al punto di partenza: se la squadra con me deve far cassa, cosa le importa di farmi crescere nella carriera? Che interesse ne ricaverebbe, se non un carico di lavoro supplementare? Morale: paga papà, tu corri e stai zitto. A tredici/quattordici anni forse non conosci neppure la parola futuro. Ogni cosa è un presente permanente: persino le scelte. Quindi non sai se sarai davvero competitivo, se avrai voglia di continuare, se le corse resteranno solo un bel gioco. Perciò nessuno incentiva davvero un percorso più professionale. 

rookies-mugello-2018043.jpg
Red Bull Rookies Cup - Mugello

All’estero, in questo senso, sono più avanti di noi: stanno sperimentando formule contrattuali basate sul valore dei risultati, in modo da favorire le scelte – e di conseguenza le carriere – dei giovani, futuri campioni. In pratica, dei futures: noi ci impegniamo a fornirti tutto ciò che ti serve a gareggiare, ti formiamo tecnicamente e se raggiungerai un certo livello, anche economico, allora ci riconoscerai una percentuale. Può sembrare cinico e crudele finché si vuole, ma perlomeno è chiaro. In Italia stiamo iniziando a prendere in considerazione solo adesso questo tipo di operazioni, mentre in Spagna sono già una realtà. Molto simile è anche il tipo di contratto che viene proposto ai migliori della Red Bull Rookies Cup, favorendo in tal modo il percorso racing dei ragazzini più talentuosi. La strada, in ogni caso, è ancora molto lunga. Lunga e – aggiungiamo noi – insidiosa. 

Rispetto a pochi esperimenti virtuosi, ci sono ancora troppi punti oscuri: a gennaio un manager della MotoGP mi ha candidamente confidato: «per far correre un ragazzo a un buon livello nel CEV occorrono dai 150mila ai 180mila euro a stagione. Se parlassimo di tuo figlio, lo faresti gareggiare o gli compreresti un appartamento?». Quindi la sostanza è: se vuoi sperare di farti una carriera paghi, e pure tanto.

moto3_juanfran_guevara.jpg
Moto3, Juanfran Guevara

Non è affatto detto che l’investimento ripaghi i sacrifici, come ha ammesso anche il pilota di Moto3 Juanfran Guevara, uno che al motomondiale ci è arrivato davvero. Guevara l’anno scorso ha appeso il caso al chiodo, preferendo dedicarsi agli studi universitari dicendo “no mas”. Basta.

Tutto questo ci riporta al CEV: a quei 44 partenti della Moto3, a quelle ammucchiate nelle curve che sanno, oltre che di sprezzo del pericolo, anche di necessità di fare risultato. Perché sai già in partenza quanto perdi economicamente, non è il caso di aggravare la voragine, con le conseguenze anche famigliari che questo potrebbe comportare. Pazienza vincente e pagante, ma salassato e perdente è troppo.

Dorna insiste che la strada migliore per formare campioni sia questo genere di percorso. Sarà, ma nel dubbio è meglio saper utilizzare bene la calcolatrice: sembra più utile che dare gas, se vuoi farti una carriera.

TOP FOCUS

16/Feb/2018
Yamaha si mette nelle mani di Rossi, relegando in un angolo il giovane Viñales, perché l'unico ritenuto capace di sferrare un gancio al volto di un portentoso...
Rossi e Vinales in crisi a Buriram
19/Feb/2018
Delle due l'una: o alla Yamaha hanno deciso di gettare fumo negli occhi alla concorrenza, oppure la Casa giapponese ha dei grossi problemi da risolvere e non...
Rossi impreca
09/Apr/2018
Uno ha perso il controllo in pista e l'altro è finito fuoripista e in terra. Uno ha dimostrato di essere il protagonista di una delle più grandi rimonte dello...
26/Gen/2018
di Alex Scotti e Marcel Vulpis La decisione di Banco Santander di uscire dal Circus, dopo undici stagioni (tra McLaren e Ferrari), ha costretto il “...